Santa Maria ad Nives

La data di costruzione  della chiesetta rurale, in località “Cappella”, risulta incerta. Sicuramente la chiesa è antecedente all’anno 1547 e con buona approssimazione affonda i suoi natali nel 1200.

AlI’interno si trova una  lapide datata 1743, quale riporta la consacrazione della chiesa sotto il nome di Beata Vergine Maria a Monte, da parte del vescovo di Boiano, Domenicantonio Manfredi, che concedeva 40 giorni di indulgenza a tutti i pellegrini che l’avessero visitata il giorno 5 agosto, festa della Madonna della Neve.

La chiesa sembra essere appartenuta al Capitolo di Benevento dal 1808, così come comprovato da una dichiarazione del vescovo di Boiano risalente all’anno 1855, depositata presso l’archivio di stato di Campobasso. Da tale prezioso documento si evince, inoltre, che la chiesa fu completamente distrutta dal terremoto dell’anno 1805 e qualche anno dopo ricostruita dal popolo Baranellese.

Lateralmente all’edificio si trova un antico tigIio il cui tronco presenta una profonda fenditura, dove secondo antichi racconti sarebbe apparsa la Madonna dell Neve in occasione di una copiosa nevicata estiva.

Descrizione dell’edificio

La piccola struttura è situata a circa 670 m. sul livello del mare in un’ area collinare che concede al visitatore un panorama incantevole sulla valle del fiume Biferno da dove inoltre si scoprono circa una decina di piccoli paesi molisani, il massiccio del matese fino all’appennino abruzzese.

La chiesetta presenta una pianta rettangolare divisibile indue volumi di cui uno principale contenente la navata centrale. La navata centrale è costituita da quattro campate, mentre quella laterale comprende tre campate della stessa grandezza.La struttura del tetto, a due falde, presenta una capriata in legno sulla navata centrale e semplici travi in legno sulla navata laterale

 

I commenti sono chiusi.