Sacerdoti Baranellesi

Mons. Emilio Colagiovanni

Giudice del Tribunale Apostolico della Rota Romana, è nato a Baranello il 18 marzo 1920. E’ stato ordinato sacerdote il 13 agosto 1944. Dopo l’ordinazione sacerdotale ha continuato gli studi e contemporaneamente ha insegnato presso il Seminario Minore di Campobasso ed in altre scuole ed istituti della città. Successivamente si è trasferito a Roma ed ogni volta in cui tornava a Campobasso i suoi ex studenti, per l’entusiasmo, si raccoglievano attorno alla sua auto bloccando il traffico. La sua formazione è passata attraverso la Teologia ed il Diritto Canonico presso la Pontificia Università Gregoriana, il Diritto Civile presso la Pontificia Università Lateranense, la Storia e la Filosofia presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, le Scienza Sociali presso la John Carroll University di Cleveland, Stati Uniti e Lingua e Letteratura Inglese presso l’Università Pro Deo “Luiss”Rettore e docente presso le principali università romane, nonché docente di Deontologia Giudiziaria presso lo Studio Rotale. Consulente Giuridico dei Pontefici del suo tempo, molto vicino a Papa Paolo VI, al quale era legato da una profonda amicizia, nonché Giovanni Paolo II con il quale proseguì il rapporto di collaborazione e stima, assieme all’allora collega Ratzinger, divenuto Benedetto XVI. Consultore della Congregazione per il Clerico; Consultore della Congregazione per il Culto Divino e la Disciplina dei Sacramenti; membro della Commissione Speciale per la Trattazione delle Cause di Nullità della Sacra Ordinazione e di Dispensa dagli Obblighi del Diaconato e del Presbiterio. Direttore di pubblicazioni ed attività culturali quali Quaderni di Sociologia, Servizio Sociale, Studi e Documentazioni per la Pastorale nel Mondo del Lavoro, Centro Studi USMI, Consacrazione e Servizio. Presidente Fondazione Monitor Ecclesiasticus, nel corso della quale, in occasione di un congresso canonistico-pastorale, fu costituita l’Associazione Canonistica Italiana; direttore del Monitor Ecclesiasticus, antica e prestigiosa testata canonistica. Don Emilio, come lo chiamiamo tutti, è stato un maestro eccezionale, una mente eccelsa, dalla preparazione raffinata e dalla spiccata capacità di rendere comprensibili a tutti anche i concetti più sofisticati. E’ stato uno dei più grandi Canonisti del Novecento tanto che ancora oggi nel Tribunale della Rota Romana le sue sentenze fanno scuola.Abile diplomatico e poliglotta, i suoi viaggi nel mondo in missione per conto del Vaticano lo riempivano della profondità delle altre culture con cui entrava in contatto e rendevano la sua personalità ancor più aperta alla bellezza dell’uomoe pieno di fiducia verso i giovani, che vedeva migliori di quello che in superficie appaiono.La sua personalità socievole ed empatica si trasformava in schiva e riservata nelparlare di sé, riconoscendosi un semplice servo di Dio. La sua umiltà non ci hapermesso di scoprire gli ulteriori prestigiosi incarichi che ha ricoperto e gli altri importanti contributi che ha dato per l’edificazione delle anime. Quel che è certo è che anche lui, assieme a molti altri baranellesi, ha dato lustro ad un piccolo borgo della provincia molisana, che è orgoglioso di ricordarlo.

 

I commenti sono chiusi.